NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Trapianto basato sull'evidenza Discussione e interpretazione dei risultati degli studi clinici sul trapianto nelle diverse patologie

Trapianto autologo: una bella ripassata !

Una bella ripassata sul trapianto autologo in corso di linfoma, descrivendo in particolare i regimi di condizionamento  carmustina-free  e gli  studi in corso sulla strategie di mantenimento post trapianto .

La review è strutturata in una parte introduttiva storica ( generale e poi approfondita per i vari istotipi di linfoma) , seguita da una breve descrizione dei chemioterapici piu' frequentemente utilizzati nei regimi di condizionamento. Segue il capitolo dei regimi di condizionamento carmustina-free e quello sulle strategie trapiantologiche innovative e alternative (regimi di condizionamento contenenti radioimmunoconiugati, doppio autotrapianto, terapie di mantenimento post autotrapianto). Il tutto corredato da corpose tabelle degli studi clinici di riferimento con i rimandi bibliografici. Chiude il lavoro un richiamo agli studi ongoing.

Dahi PB et al: Strategies to improve outcomes of autologous hematopietic cell transplant in lymphoma .Bone Marrow Transplant. 2019 Jul;54(7):943-960.

Gli studi descritti sono davvero molti, e questa review cerca di dipingere lo stato dell'arte. Da rimarcare che la sostituzione della carmustina ad opera di altri agenti quali tiotepa, bendamustina,lomustina,mitoxantrone e busulfano sembra sicura , con dati di engrafment e sopravvivenza simili. Sembrano modificarsi  le tossicita' : meno complicanze polmonari, ma incremento di quelle renali e gastrointestinali in presenza di bendamustina, VOD in presenza di busulfano, cardiologiche ed epatiche in presenza di mitoxantrone . Tossicita' che vanno tenute in considerazione nel momento della scelta del regime di condizionamento. Appare controindicato il ricorso alla fotemustina, alla luce delle elevate tossicita infettive e gastrointestinali.

Per quanto riguarda gli approcci innovativi, i dati sembrano non consigliare l'introduzione di radioconiugati nei regimi di condizionamento, mentre il doppio autotrapianto è stato indagato solo nei linfomi di Hodgkin , con dimostrazione di una qualche efficacia nei pazienti ad alto rischio recidivati/refrattari, a prezzo di una alta TRM (8-9%). Per quanto riguarda il mantenimento post trapianto autologo, il linfoma follicolare sembra beneficiare di un mantenimento con rituximab, mentre il linfoma DLBCL no. Infine il Brentuximab -vedotin sembra efficace nel sottogruppo di pazienti affetti da linfoma di Hodgklin ad alto rsichio /recidivati/refrattari con miglioramento della PFS .

Gli studi ongoing riguardanti il mantenimento/consolidamento post trapianto autologo, spaziano dalla lenalidomide  al bortezomid , dall'ibrutinib al nivolumab e pembrolizumab , al rituximab associato all'ixazomib o all' everolimus , all'associazione bortezomib e vorinostat e infine alla romidepsina .

Come dicevo una bella ripassata sull'argomento, ma latitano gli studi prospettici