NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dalla parte del donatoreLe principali novità riguardanti le varie fasi della donazione, dalla selezione del donatore alla mobilizzazione e raccolta di CSE, sia in ambito autologo che allogenico

LO SCREENING DEL DONATORE FAMILIARE OLTRE GLI ESAMI ROUTINARI

Una survey del CIBMTR mette in luce l´eterogeneita´ tra i centri nella gestione dello screening di patologie clonali ematopoietiche nei donatori familiari 

Considerata l´eta´ talvolta avanzata dei donatori familiari HLA-identici, appare opportuno capire l´utilita´ dello screening di patologie clonali quali MGUS, monoclonal B-lymphocytosis (MBL), alterazioni citogenetiche e molecolari, al fine di proteggere il donatore da eventuali effetti negativi della stimolazione con G-CSF ed evitare di trasferire il disordine clonale al paziente tramite il trapianto. Seftel e collaboratori (1) presentano una survey tra i centri CIBMTR riguardo agli esami, condotti sistematicamente durante la valutazione di idoneita´ dei donatori familiari, volti ad identificare eventuali disordini clonali subclinici.    

Un totale di 280 centri ha risposto alla survey, due terzi dei quali accreditati FACT-JACIE ed in prevalenza nordamericani. Lo screening per MGUS (con elettroforesi proteica), MBL (immunofenotipo su sangue periferico), mutazioni somatiche (sequenziamento) viene fatto sistematicamente dal 18.9%, 5.0% e 3.6% dei centri, rispettivamente. Inoltre, il 6% dei centri esegue studio midollare sistematico ed il 6.7% in circostanze particolari quali eta´ avanzata del donatore o patologie nel ricevente con maggiore ricorrenza familiare, tipo LLC. 

Quest´articolo stimola il lettore su quanto puo´ essere opportuno spingersi nella valutazione di idoneita´ del donatore familiare, tenendo conto da un lato dell´utilita´ dello screening di patologie clonali dell´ematopoiesi e dall´altro delle conseguenze e implicazioni etiche che puo´ avere una tale diagnosi in un donatore sano, con la successiva gestione.