NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dalla parte del donatoreLe principali novità riguardanti le varie fasi della donazione, dalla selezione del donatore alla mobilizzazione e raccolta di CSE, sia in ambito autologo che allogenico

QUANDO VALUTARE IL DONATORE APLO DI BACK-UP DURANTE LA RICERCA MUD

Un´analisi monocentrica su 167 ricerche MUD risponde alla domanda su quando è più utile iniziare la valutazione del donatore aploidentico da parte del team di Aferesi 

Poiché solitamente il donatore aploidentico viene valutato quando non è disponibile un familiare HLA-identico o un 10/10, ci si può chiedere quando sia il miglior momento, durante la ricerca MUD, per valutare uno o più donatori aploidentici, da parte dei medici di Aferesi; e ciò per anticipare le situazioni nelle quali  più bassa la probabilità di trovare un MUD e pertanto non incorrere in ritardi nella realizzazione del trapianto aploidentico stesso. Una recente analisi impiega il numero di MUD per i quali viene inviato il test di conferma HLA come indicatore per procedere alla valutazione di uno o più donatori aploidentici di back-up: vediamo come. 

Su un totale di 167 ricerche MUD contemplate nella presente analisi (1), un totale di n=117 trapianti allogenici (non da familiare HLA-identico) sono stati effettuati tra luglio 2013 e luglio 2018; e di questi n=16 da donatori aploidentici. Mettendo in relazione il numero dei potenziali MUD per i quali è stato ricevuto il test di conferma HLA ed il donatore finale utilizzato, si è visto che, eccetto nei casi con nessun test di conferma (ed in questo caso il trapianto è stato invariabilmente eseguito con un donatore aploidentico), la percentuale di trapianti aploidentici  è stata più alta (17%) quando 1 solo test di conferma ha raggiunto il lab HLA, vs 5% e 0% con 2 e 3 test di conferma, rispettivamente.     

La presente analisi può essere utile per gli operatori sanitari dell´Aferesi che si occupano della valutazione del donatore allogenico di CSE, al fine di ottimizzare la tempistica di valutazione del donatore aploidentico in caso di mancata identificazione del MUD e di poter procedere al trapianto senza ritardi.