NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dalla parte del donatoreLe principali novità riguardanti le varie fasi della donazione, dalla selezione del donatore alla mobilizzazione e raccolta di CSE, sia in ambito autologo che allogenico

L´AUTODEPOSITO NEL DONATORE DI MIDOLLO OSSEO E´ VERAMENTE UTILE?

Una recente analisi monocentrica mette in discussione l´utilita´ dell´autodeposito prima dell´espianto dei donatori sani di midollo osseo

Al fine di ridurre il rischio di dover trasfondere un donatore sano dopo un espianto di midollo, generalmente vengono eseguiti uno o due autodepositi di sangue intero alcune settimane prima dell´intervento. Tuttavia, tale pratica porta alla riduzione dell´Hb pre-operatoria, controbilanciando di fatto l´effetto che si vuole contrastare con l´autotrasfusione. Un´analisi condotta dai colleghi del Policlinico Gemelli di Roma su 102 donatori consecutivi sottoposti ad espianto mette di fatto in discussione l´utilita´ di tale pratica.   

La realizzazione di uno o due autodepositi ha comportato una riduzione dell´Hb da 14.6 a 12.9, conducendo ad un riduzione mediana del 10.9% al giorno -1; l´espianto ha poi provocato un´ulteriore riduzione dell´Hb a valori inferiori del 28.9% al giorno +1 rispetto ai valori pre-autodeposito, indipendentemente dal numero di autotrasfusioni somministrate nel post-espianto (1 vs. 2). Tale riduzione si e´ rivelata indipendente dal sesso del donatore e dal numero di autodepositi, ed inversamente correlata al tempo intercorso dal primo o dall´ultimo autodeposito.  

L´utilita´ di una pratica abbastanza diffusa quale l´autodeposito nei donatori di midollo osseo puo´ essere messa in discussione se i risultati associati alla stessa non risultano convincenti. Alla luce dei dati riportati nel presente lavoro, e´ la distanza di tempo tra l´autodeposito e l´espianto, piu´ che il numero di autodepositi, a conferire un potenziale beneficio al donatore; tuttavia, come suggerito dagli autori, solo uno studio prospettico e randomizzato puo´ effettivamente rispondere alla domanda sull´utilita´ o meno di tale pratica.