NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dalla parte del donatoreLe principali novità riguardanti le varie fasi della donazione, dalla selezione del donatore alla mobilizzazione e raccolta di CSE, sia in ambito autologo che allogenico

ANTICIPARE LA VALUTAZIONE DI UN DONATORE ALTERNATIVO: UNO SCORE CHE PUO’ AIUTARE IL TRASFUSIONISTA

Un semplice “scoring system” definisce la probabilità di identificare un MUD 10/10 in modo da guidare la tempistica per un’eventuale valutazione di donatore alternativo

In assenza di un donatore MUD 10/10, a seconda della policy adottata dal Centro Trapianti ci si può dirigere verso un MMUD, un CB o un aploidentico. Al fine di identificare un donatore nelle tempistiche congrue con la patologia per cui la ricerca viene attivata, è cruciale la valutazione per tempo delle opzioni alternative qualora il donatore compatibile non fosse identificato. Uno score system sviluppato da Wadsworth e coll. aiuta il trapiantologo ed il trasfusionista nell’anticipare gli scenari possibili in corso di ricerca MUD

La definizione di tale score system, basato sulla frequenza genotipica degli alleli HLA, in 3 gruppi (“good”, “fair” e “poor”) correla, insieme all’etnia del paziente, all’identificazione o meno di uno o più donatori MUD 10/10 o con mismatch. L’analisi è stata condotta su un training set di n=2410 pazienti e successivamente validata su una coorte indipendente di n=1344 pazienti, con risultati robusti nell'ambito del Be The Match Registry 

Essendo la tempistica per l’identificazione di un donatore un elemento cruciale per la buona gestione del paziente in attesa di trapianto, tale score fornisce un ottimo strumento per attivare quanto prima la valutazione di idoneità di donatori alternativi, per esempio aploidentici, nei casi “poor” ed eventualmente “fair”