NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dalla parte del donatoreLe principali novità riguardanti le varie fasi della donazione, dalla selezione del donatore alla mobilizzazione e raccolta di CSE, sia in ambito autologo che allogenico

QUANTE CD34+ PER UN TRAPIANTO APLO: CE LO DICONO I MARSIGLIESI

Una larga e dettagliata analisi di 181 trapianti aploidentici eseguiti con CSE periferiche ci può fornire informazioni utili sulla quantità di CD34+ da infondere   

Ad oggi non esistono studi prospettici di confronto tra BM e PBSC nel contesto dell'aploidentico con PT-Cy, sebbene molti centri utilizzino questo secondo tipo di sorgente di CSE per ovvi motivi logistici e di comodità per i donatori. La presente analisi è frutto dell'esperienza di 2 centri trapianto, a Marsiglia e Milano, su ben 181 trapianti aploidentici con PBSC eseguiti tra il 2012 ed il 2016. Numerose variabili sono state analizzate in rapporto con i principali outcome, e noi qui faremo un focus sulle CD34+ infuse.      

A fronte di un target minimo di 4 x 10e6 CD34+/kg del ricevente, richiesto dai trapiantologi, la mediana di CD34+ infuse è stata di 5.4 (range 1.5-18.1). Mentre si è osservato un lieve vantaggio in termini di attecchimento dei neutrofili a +30 con CD34+ >5.4, n=8 pazienti hanno avuto una graft failure, senza alcuna correlazione con la dose di CD34+ infuse. Nessun altro outcome è stato influenzato dalle CD34+ fatta eccezione per un lieve ma non significativo aumento dell'incidenza di GvHD acuta grado II-IV per valori di CD34+ sopra la mediana. Unica pecca, forse, la mancanza di informazioni sul donatore come per es. l'età (uno dei fattori riconosciuto in assoluto tra i più importanti), il genere ed il tipo di parentela con il paziente.     

I dati della presente analisi danno indicazioni preziose circa il ruolo che può avere la quantità di CD34+ infuse sui vari outcome nel trapianto aploidentico da PBSC, ormai sempre più diffuso. Tali informazioni sono cruciali per la mobilizzazione del donatore, il target di CD34+ ed il numero di leucaferesi necessarie per il trapianto. Studi contenenti anche informazioni sulle caratteristiche del donatore potranno essere determinanti in questo settore