NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Complicanze del trapianto Profilassi e terapia delle complicanze immunologiche e infettive del trapianto autologo e allogenico

Meno conservanti per un trapianto piu' sano ?

I colleghi polacchi hanno pubblicato un interessante lavoro prospettico riguardante la riduzione del DMSO nella criopreservazione delle cellule staminali, dimostrando che una concentrazione del 5% garantisce gli stessi risultati dell'engrafment di quella 'standard ' al 10%.

Mitrus I et al : Bone Marrow Transplantation (2018) 53: 274-280

La mancanza di studi prospettici inerenti alla concentrazione di DMSO nella fase di congelamento delle cellule staminali (la concentrazione del 10% è la piu' utilizzata) , insieme alla indubbia frequenza di reazioni avverse imputabili al crioprotettore durante la reinfusione di prodotti criopreservati, sono il razionale di questo  studio monocentrico, prospettico e randomizzato.

Preceduto da uno studio di laboratorio , pubblicato nel 2013 degli stessi autori,  che ha valutato il potenziale clonogenico in vitro di cellule staminali criospreservate con diverse concentrazione di DMSO, esso ha valutato in vivo il potenziale clonogenico di staminali  congelate  con diverse concentrazioni del crioprotettore (5-7,5-10%),  poi reinfuse nell'ambito di procedure autotrapiantologiche .

Gli autori hanno correlato le diverse concentrazioni di DMSO con  variabili cliniche e di laboratorio, fra le quali citiamo vitalita' post congelamento, numero di CD 34 + reinfuse, volume della sospensione cellulare reinfusa, volume del DMSO reinfuso, eventi avversi durante la reinfusione, dati di attecchimento, durata della degenza, supporto trasfusivo, durata della neutropenia febbrile. La randomizzazione è avvenuta prima dell'inizio del regime di mobilizzazione, che è consistito in dosi intermedie di citarabina associate a GCSF o nel solo GCSF . L'end point primario dello studio è stato il  tempo di attecchimento dei leucociti, dei neutrofili e piastrinico.

Sono stati randomizzati 150 pazienti (essenzialmente linfomi e mielomi), 50 per braccio, e di questi 143 sono stati effettivamente autotrapiantati. Gli autori non si soffermano particolarmente sulla clinica pre trapianto , ma le principali variabili (diagnosi, eta', rapporto maschi/ femmine , tipo di condizionamento ) sono bilanciate nelle tree coorti. I test di vitalita' post scongelamento (mediante colorazione con trypan blue) non hanno visto differenze, cosi' come il numero di CD34+ effettivamente trapiantate e il volume delle sospensioni cellulari reinfuse. Non analizzato il rapporto fra leucociti e cd34+ contenute nelle sacche reinfuse , che sappiamo influenzare gli effetti collaterali e l'attecchimento piastrinico.  Chiaramente ridotto  il volume mediano di DMSO reinfuso (da 40 ml del gruppo 10% ai 20 ml della coorte  5%) e statisticamente significativa la riduzione di pazienti con effetti collaterali durante le reinfusione delle cellule staminali fra il gruppo 10 e quello 5% (41.7% nel gruppo 10%, 33,3% in quello 7,5%  e 19,1% in quello 5%). Come è usuale, tali eventi sono stati di lieve-moderata entita' e sono stati essenzialmente rappresentati da nausea, vomito, disturbi pressori. Da sottolineare , nessuna differenza negli end point principali dello studio (dati di attecchimento) e nemmeno sui tempi di ospedalizzazione o sulla durata della neutropenia febbrile o sul supporto trasfusivo piastrinico, mentre vi è una significativa riduzione del supporto trasfusivo eritrocitario nei gruppi 7,5 e 5%  .

Uno studio semplice e lineare  che propone la concentrazione di DMSO al  5% come nuovo standard . In effetti riduce  numerosi effetti collaterali (per fortuna solo rarmente severi) , e manovre sicuramente piu' impegnative per evitarli,  quali il lavaggio delle sacche scongelate o la distribuzione delle reinfusioni in piu' giorni per non eccedere nella dose quotidiana di DMSO somministrata al paziente  .

Un piccolo ma significativo  passo per ridurre la tossicita  trapiantologica.