NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Trapianto da donatore alternativo Segue le pubblicazioni che riguardano il trapianto da donatori parzialmente identici e da cordone ombelicale

HHV-6: se lo conosci, lo eviti.

Una elevata incidenza di riattivazione del virus Herpes-6 umano associata ad encefalite limbica è stata riportata in pazienti pediatrici dopo trapianto aploidentico T depleto ed è stato suggerita una trasmissione del virus con una reinfusione allogenica ad alto contenuto di linfociti T CD4 positivi.

Perruccio K et al, BBMT 2018 Jul 29, Epub head to print

L’infezione primaria da parte del virus umano Herpes 6 (HHV-6) , in particolare di tipo B, è frequente ( 90% dei bambini immunocompetenti) ed è causa di febbre ed esantema. Nei pazienti sottoposti a trapianto allogenico è documentata una riattivazione del virus HHV-6 in circa il 30% dei casi, più frequentemente dopo trapianto di cordone ombelicale, che può essere associata con un interessamento d’organo (sistema nervoso centrale, fegato, apparato gastroenterico, polmone) e con un aumento di incidenza di graft failure e di graft versus host disease (GVHD) acuta e cronica. La riattivazione viene documentata tramite ricerca del DNA virale nel sangue e va distinta dall’integrazione cromosomica, che viene determinata nel bulbo pilifero vitale del donatore e del ricevente. Dato che solo l’encefalite è stata chiaramente associata all’infezione da HHV-6, le linee guida internazionale attualmente non raccomandano un monitoraggio del HHV6-DNA nei pazienti sottoposti a trapianto allogenico. Nel presente studio la riattivazione da HHV-6 associata in un quarto dei casi da encefalite limbica è risultata la complicanza post-trapianto precoce più frequente in 2 gruppi di pazienti pediatrici , uno italiano e uno spagnolo, sottoposti a trapianto aploidentico T-depleto.

Si tratta di 38 pazienti pediatrici, affetti per lo più da leucemia acuta e trattati con condizionamento mieloablativo. Il gruppo italiano ha ricevuto cellule CD 34+ selezionate e successivamente reinfusioni di cellule Treg/Tcon mentre il gruppo spagnolo è stato reinfuso in 2 diversi centri ematologici con cellule selezionate con Ab monoclonale CD45RA. I due protocolli condividono il fatto che le cellule reinfuse contengono un’ alta percentuale di linfociti CD 4 positivi. Tutti i 38 pazienti hanno presentato una riattivazione ad alto titolo ( maggiore di 1000 copie mL) di HHV6-DNA nel sangue ( in tutti i casi in cui è stata ricercata, è stata anche esclusa l’integrazione cromosomica) , tale riattivazione si è presentata precocemente per lo più entro le 2 settimane dopo la reinfusione, in 9 pazienti (24%) si è associata ad encefalite limbica documentata con RMN e/o HHV-6-DNA nel liquido cefalo-rachidiano e in altri 6 casi ad interessamento gastrointestinale ( vomito e diarrea) ed epatite. Nel 30% è seguita una GVHD acuta, talora refrattaria allo steroide, e in 2 casi graft failure. Tutti i pazienti sono stati trattati con foscavir o ganciclovir o una combinazione dei 2 farmaci e nessuno è deceduto per le cause direttamente riconducibili dell’infezione, per cui la mortalità del trapianto è stata del 20% complessivamente. Tuttavia 2 bambini presentano ancora alcuni reliquati neurologi dell’encefalite limbica. Questa infezione virale è risultata specifica ed esclusiva dei pazienti trattati con questa piattaforma di T deplezione, perché non è stata evidenziata nei 3 centri in nessun altro paziente sottoposto a trapianto da donatore familiare o da registro. Inoltre sono stati prodotti dati sperimentali che confermano che il virus HHV-6 di tipo B infetta i linfociti CD 4 positivi del graft attraverso uno specifico recettore CD134 e se le cellule CD4+ infette sono coltivate in vitro insieme a cellule Natural Killer eliminano il virus.

Questa pubblicazione è interessante perché riporta una complicazione infettiva che risulta strettamente associata ad un tipo di piattaforma di trapianto aploidentico T-depleto e suggerisce anche un’ipotesi patogenetica riconducibile al linfotropismo CD4+ del virus HHV-6. Per i trapiantalogici che non si utilizzano questa piattaforma, comunque l’articolo porta l’attenzione su una riattivazione virale che non è oggetto di monitoraggio sistematico dopo trapianto T-repleto, ma che deve essere ipotizzata e ricercata in caso di interessamento d’ organo post-trapianto, quali encefalite, polmonite interstiziale e gastroenterite.