NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Trapianto da donatore alternativo Segue le pubblicazioni che riguardano il trapianto da donatori parzialmente identici e da cordone ombelicale

Trapianti MUD mismatched più sicuri con PTCy

I ricercatori spagnoli riportano la sicurezza e l’efficacia di una profilassi della GVHD basata su ciclosporina e ciclofosfamide post-trapianto in pazienti che ricevono cellule staminali periferiche da un donatore da registro parzialmente compatibile.

Jorge AS et al.BBMT 24 (2018):1196-1202

In caso di non disponibilità di un donatore da registro HLA compatibile (con identità di 8/8 o 10/10 loci dell’HLA tra donatore e ricevente), è possibile ricorrere ad un donatore da registro parzialmente compatibile o mismatched (con una diversità di un locus dell’HLA tra donatore e ricevente e quindi 9/10 o 7/8) oppure ad un donatore familiare aploidentico. Nel caso di un donatore da registro 7/8 è noto che la disparità HLA aumenta il rischio di GVHD e di mortalità da trapianto (TRM) ed alcuni studi dimostrano che tale rischio può essere ridotto associando alla profilassi della GVHD una T deplezione basata su siero antilinfocitario o alentuzumab. L’ efficacia della profilassi della GVHD con ciclofosfamide post-trapianto (PTCy) nel contesto del trapianto aploidentico ha portato ad esportare la PTCy anche nel trapianto da registro 7/8 ed alcuni piccoli studi ne hanno dimostrato la fattibilità, utilizzando come sorgente il sangue midollare ed associando la PTCy a inibitore della calcineurina (CNI) e micofenolato (la triplice convenzionale profilassi della GVHD del gruppo di Baltimora). Ora in questo studio retrospettivo e comparativo i ricercatori spagnoli utilizzano quasi esclusivamente PBSC come sorgente del trapianto e confrontano l’outcome di   26 trapianti da registro HLA compatibili profilassati con CNI e metotrexate o micofenolato con 60 trapianti da registro 7/8 che hanno ricevuto CNI e PTCy.

Non si sono evidenziate differenze significative nei principali outcome del trapianto. Riguardo al recupero ematologico, il tempo mediano di recupero dei neutrofili è stato sovrapponibile (16 giorni) , mente il recupero delle piastrine è avvenuto con una mediana di 5 giorni di ritardo nei trapianti 7/8 . La mortalita’ da trapianto a 1 anno, l’incidenza di ricaduta ad 1 anno e la OS a 2 anni sono risultate sovrapponibili (trapianti 8/8: 18%, 19%, 57%; trapianti 7/8: 25%, 11%, 72%). Mentre l’incidenza e la severità della GVHD acuta sono risultate simili nei due gruppi dei pazienti, si è evidenziato un trend verso una riduzione della GVHD cronica e un prolungamento della sopravvivenza libera da GVHD e da ricaduta (GRFS) a 2 anni dal trapianto nei pazienti 7/8 trattati con CNI+PTCy ( trapianti 8/8: 49%, 24%; trapianti 7/8: 33%, 47%).

La novità di questo studio è la dimostrazione di efficacia della profilassi con PTCy nei trapianti 7/8 in associazione al solo CNI ( senza micofenolato) e dopo reinfusione di PBSC. Tuttavia lo studio ha molti limiti, in quanto retrospettivo e con pazienti non numerosi e molto eterogenei per patologia ed intensità di condizionamento. Ma il limite più importante è che i pazienti che afnno un trapianto MUD 8/8 non ricevono la profilassi standard della GVHD , in quando ricevono solo CNI + metotrexate o micofenolato, ma non il siero antilinfocitario . Questo studio dimostra la necessità impellente di studi prospettici controllati di confronto tra la profilassi della GVHD standard e la profilassi con PTCy, senza i quali la PTCy non potrà diventare un nuovo standard nel trapianto allogenico.